Navigation

Attraccato a Gallipoli il mercantile dei migranti

Finisce l'odissea della Blue Sky, la nave alla deriva per molte ore al largo della Grecia piena di siriani in fuga

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 gennaio 2015 - 15:12

Sono stati trovati 4 cadaveri sul mercantile alla deriva giunto nella notte, con il suo carico di migranti, a Gallipoli. Dopo essere stata in balia delle onde al largo delle coste greche la Blue Sky M è stata rimorchiata dalle unità della Guardia costieria. Uno dei presunti scafisti sarebbe stato arrestato ma il numero delle vittime ha rischiato di essere ben più elevato.

I quasi mille disperati, abbandonati per ore senza acqua, cibo e coperte, sono stati presi in cura dai sanitari pugliesi. Molti di loro, in stato di ipotermia e disidratati, sono stati ricoverati in ospedale.

Diretto a Rijeka in Croazia il mercantile moldavo è transitato dalla Turchia, prima a Istanbul, e poi a Korfez, prima di lanciare l'SOS non raccolto dalle autorità marinare greche. Dopo 12 ore l'arrivo a Gallipoli. Molti sono però ancora gli interrogativi. Dove è finito l'equipaggio, volatilizzatosi dopo il primo SOS, e perché nessuno ha soccorso la nave alla deriva, passata a poche miglia dalle coste greche, prima dell'intervento dell'Italia?

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.