Navigation

Attentato Tunisi, arrestato 22enne nel Milanese

Abdel Majid Touil era stato espulso dall'Italia il 17 febbraio e, dopo la strage, era rientrato

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2015 - 20:23

Martedì Abdel Majid Toui, un cittadino nordafricano di 22 anni e presumibilmente marocchino, è stato arrestato nel Milanese perché ritenuto coinvolto nella strage al Museo del Bardo a Tunisi. Ricercato a livello internazionale dalle autorità tunisine, l'uomo è stato bloccato dagli agenti appostati sotto casa della madre, a Gaggiano (Milano).

Il giovane deve rispondere di omicidio volontario con premeditazione, cospirazione al fine di commettere attentati contro la sicurezza interna dello Stato e commettere un attentato allo scopo di mutare la forma di governo, incitare la popolazione ad armarsi l'una contro l'altra e provocare disordini sul territorio tunisino, sequestro di persona a mano armata, partecipazione ad addestramento militare all'interno del territorio tunisino al fine di commettere reati terroristici, utilizzo del territorio della Repubblica al fine di reclutare e addestrare persone per commettere atti terroristici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.