Navigation

Arrivano speciali telecamere al confine

tvsvizzera

Serviranno a combattere il fenomeno delle rapine in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2014 - 18:24

I malviventi che commettono furti e rapine in Ticino per poi passare dai valichi minori non sorvegliati, hanno i giorni contati. Un sofisticato sistema di video sorveglianza sarà operativo anche nelle piccole dogane della provincia di Varese, come confermato dal colonnello Antonio Morelli durante la conferenza stampa di presentazione del bilancio della Guardia di Finanza del territorio provinciale di Varese.

Questi occhi elettronici in sostituzione dei gendarmi al valico, testato in questi giorni, è un progetto sperimentale a livello italiano e si rivelerà certamente utile ai fini della sicurezza internazionale. Il militare italiano a capo del comando provinciale ha precisato che tale strumento non servirà da fiscovelox, come ipotizzato da qualcuno, anche perché tali controlli fiscali si fanno oggi medianti altrettanto sofisticati sitemi di intelligence di cui proprio il comando di Varese si sta dotando essendo "immersa" all'interno di due aree sensibili: il confine con la Svizzera e l'aeroporto internazionale di Malpensa. Che questi due siti siano sensibili, è stato dimostrato proprio dai numeri esibiti durante la conferenza stampa. "Il momento storico, ha precisato il colonnello delle Fiamme Gialle, induce a contrastare il fenomeno dell'evasione fiscale internazionale con sforzi sempre più mirati e qualificati anche con nuovi strumenti informatici, utili per esempio a contrastare il movimento in entrata ed in uscita dei capitali".

Lotta all'evasione al confine dunque, che in provincia di Varese ha permesso recuperare milioni di euro da restituire alle casse italiane. Alle sole dogane, anche quelle minori, sono stati effettuati nel 2013 ben 218 interventi riscontrando 234 violazioni per oltre 250 mila euro di tributi evasi. Colpiscono anche i numeri del recupero di "Tabacchi e Monopoli" che hanno raggiunto oltre le due tonnellate.

Altro tema sensibile al confine è il mercato dei capitali. Nel 2013 gli uomini di Morelli hanno accertato riciclaggio in provincia di varese per circa 100 milioni di euro, mentre le violazioni valutarie, per esempio denaro fatto uscire o entrare illegalmente attraverso i confini terrestri o aerei, nel caso di Malpensa, hanno visto il sequestro di 1,17 milioni di euro a fronte di 21,4 milioni di euro di valutata portata al seguito. Gli stupefacenti recuperati, tra droghe leggere e droghe pesanti, ammontano ad oltre 1500 kg. Il 2014 si apre all'insegna di altre indagini che sono ancora in corso, cercando di perseguire quelle persone che hanno beneficiato largamente dei propri reati e che, una volta acciuffate, possano poi restituire allo stato italiano i proventi di questi illeciti.

sdr

Tutte le news: www.rsi.ch/infoLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.