Navigation

Arrestato l'autore della sparatoria di New York

Poliziotti all'entarta della fermata della metropolitana dove è avvenuta la sparatoria. Copyright 2022 The Associated Press. All Rights Reserved.

L'autore dell'attacco alla metropolitana di New York, Frank James, è stato arrestato mentre camminava in strada come se nulla fosse. Due agenti lo hanno visto e lo hanno arrestato. Frank James non ha opposto alcuna resistenza all'arresto. Rischia di trascorrere il resto della sua vita in carcere perché una delle accuse che pesano su di lui è quello di reato terroristico federale, afferma la polizia di New York.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 aprile 2022 - 21:37
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

La polizia lo ha fermato dopo una soffiata di una persona che ha riferito di averlo visto all'incrocio tra East 6th Street e la First Avenue, nell'East Village. Quando gli agenti sono arrivati lì, James non c'era più, ma lo hanno rintracciato qualche blocco più in là, ha raccontato una fonte della polizia al New York Post.

Chi è Frank James?

Un "profeta della sventura" animato periodicamente dal desiderio di uccidere e convinto della necessità di "più sparatorie di massa". Frank James, il 62enne afroamericano sospettato di aver aperto il fuoco nella metropolitana di New York, è descritto dai suoi vicini di casa di Milwaukee, in Wisconsin, come un "burbero", uno "strano" ma sicuramente "non una minaccia".

Dalla sua presenza sui social media, in particolare su YouTube con il nome 'prophet of truth 88', emerge una personalità complessa e combattuta. "Soffro di stress post-traumatico", ha ammesso in uno dei filmati definendosi "profeta di sventura".

In alcune clip parla di "guerra di razza", in altre del desiderio di "sterminare" alcuni gruppi di persone. In un filmato del 27 marzo si è detto deluso dal fatto che Ketanji Brown Jackson, la prima afroamericana nominata alla Corte Suprema, fosse sposata con un bianco. Il 6 aprile si è lasciato invece andare in una lunga invettiva sulla necessità di "più sparatorie di massa. Il problema non è chi spara ma il contesto in cui vive". Il giorno prima dell'attacco in un video ha confessato la sua voglia periodica di uccidere spiegando però di non voler finire in carcere.

Contenuto esterno

Particolarmente utile per gli investigatori si è rivelato un filmato del 20 marzo in cui James ha illustrato i suoi spostamenti, riferendo di aver impacchettato i suoi averi a Milwaukee e di essere diretto a Filadelfia, descritta come una "zona pericolosa" in grado di far scattare "molti pensieri negativi". "Soffro di stress post-traumatico - ha raccontato - a causa di tutte le cose che ho passato nella mia vita". Proprio a Filadelfia James ha affittato il furgoncino legato all'attacco a New York e trovato dagli investigatori a pochi isolati dalla stazione della metropolitana di Sunset Park, a Brooklyn.

I video e le invettive non rispecchiano la descrizione di James offerta dai vicini che, pur ammettendo fosse strano, non lo hanno mai visto come una minaccia. Lo descrivono infatti come un "burbero" che talvolta "urlava al telefono" e sempre da solo nel suo appartamento "disordinato e sporco". Nulla però ha mai fatto pensare che potesse diventare il protagonista di un attacco.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?