Navigation

Archeologia, follia iconoclasta in Iraq

Intervista all'esperto Franco D'Agostino sulle distruzioni ad opera degli estremisti islamici

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2015 - 23:33

Lo Stato Islamico ha preso di mira un nuovo sito archeologico nel nord dell'Iraq. Le ruspe del califfato avrebbero distrutto la città di Dur Sharukkin, una delle antiche capitali dell'impero assiro. Come i reperti del museo di Mosul, fatti a pezzi dai martelli della follia iconoclasta del Califfo. Il parere dell'archeologo Franco D'Agostino, da 25 anni frequentatore dei siti storici dell'Iraq.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.