Navigation

Arabia Saudita, primi passi verso la parità dei sessi

Per la prima volta nella storia del Paese, le donne possono votare ed essere elette, ma la strada verso la libertà è ancora molto lunga

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 dicembre 2015 - 20:49

L'Arabia Saudita fa un primo passo verso la parità dei sessi. Per la prima volta nella storia del Paese si svolgono delle elezioni aperte alle donne: possono sia votare, sia essere elette. E sono circa 900, le saudite che si presentano per un seggio in uno dei 284 consigli comunali.

I gruppi per i diritti delle donne, però, avvertono: la strada verso la libertà è ancora molto lunga. Nel Paese, le donne non possono lavorare, guidare o aprire un conto bancario senza il permesso di un uomo.

Quanto alle elezioni, si prevede una scarsa affluenza femminile ai seggi: molte di loro hanno paura di ritorsioni. Le candidate, peraltro, hanno dovuto pronunciare i discorsi dietro a paraventi, non hanno potuto usare fotografie per la propaganda.

Secondo un sondaggio, solo l'8 % degli uomini appoggia la partecipazione delle donne alle elezioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.