Navigation

Appuntamento cruciale alle urne nelle Filippine

Alle presidenziali l’uomo da battere è Rodrigo Duterte, il Donald Trump filippino, ovvero l’uomo che si dice pronto a morire per risolvere i problemi della sua gente

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2016 - 20:25

Le Filippine hanno un appuntamento cruciale lunedì con le presidenziali. Dopo sei anni sotto la guida di Benigno Aquino, in cui l'economia è cresciuta del 6%, c'è la possibilità che si cambi radicalmente. Perché se i sondaggi sono affidabili, il nuovo presidente potrebbe essere Rodrigo Duterte, che molti definiscono «il Donald Trump filippino» per le sue dichiarazioni forti. Il timore è che con lui, una delle democrazie più vibranti d'asia, composta da 100 milioni di abitanti, possa ripiombare nell'autoritarismo del passato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.