Navigation

Brexit, l'Ue fissa primi obiettivi dei negoziati

La prima fase dei negoziati sulla Brexit, secondo una bozza di linee guida presentata giovedì dall’UE, prevede quattro punti: fissare lo statuto dei cittadini di tutta Europa che vivono, lavorano e studiano nel Regno Unito; evitare un vuoto legale per le aziende; assicurarsi che Londra onori tutti i suoi impegni finanziari nei confronti di Bruxelles e viceversa; assicurare il sostegno al processo di pace in Irlanda del Nord.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2017 - 13:21
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG 12.30 del 31.03.2017)
Contenuto esterno

L'approccio dell’Unione europea ai negoziati sulla Brexit sarà graduale. Le trattative saranno difficili, ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, e si potrà parlare del futuro relazioni UE-Regno Unito solo quando i negoziati avranno fatto progressi sufficienti.

Bisogna agire velocemente, ha detto ancora, perché ci sono soltanto due anni per raggiungere un accordo.

Nella prima fase delle trattative, Tusk vuole soprattutto limitare i danni dell’uscita del Regno Unito dall’Unione.

Solo in un secondo tempo, l'UE sarà pronta a parlare di relazioni future e negoziare un accordo di libero scambio.

Il presidente del Consiglio europeo visiterà la premier britannica Theresa May prima del Summit di Bruxelles del 29 aprile, nel quale i 27 dovranno adottare le linee guida.
 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.