Navigation

La Colombia adotta i bambini venezuelani

Almeno 24 mila bambini, figli di migranti venezuelani, avranno la nazionalità colombiana abbandonando la loro condizione di apolidi. Un annuncio in questo senso è stato fatto dal presidente colombiano Iván Duque. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2019 - 15:39
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Iván Duque ha avvertito che si tratta di una misura "temporanea ed eccezionale" in vigore per i prossimi due anni che sarà applicata ai minori nati in Colombia a partire dall'agosto 2015.

"Oggi - ha sottolineato Duque - la Colombia mostra una volta ancora al mondo che anche se abbiamo problemi di bilancio, che anche se abbiamo un reddito pro capite minore a ottomila dollari l'anno molto inferiore a quello di Paesi europei che hanno affrontato crisi migratorie, anche noi sappiamo trasformare la fraternità in un sentimento di solidarietà".

Il capo dello Stato ha colto infine l'occasione per sollecitare la "comunità internazionale" a fornire sostegno economico alla regione sudamericana, testimone di una "tragedia umanitaria" e della "peggiore crisi migratoria della storia".

I ringraziamenti di Juan Guaidó

Il leader dell'opposizione autoproclamatosi presidente ad interim del Venezuela, Juan Guaidó, ha ringraziato il governo della Colombia per la decisione.

"Grazie - ha dichiarato Guaidó via Twitter - per la solidarietà del popolo fratello di Colombia e del presidente Iván Duque nei confronti del nostro popolo. Veglieremo sui diritti dei venezuelani dovunque essi si trovino".



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.