Navigation

New Delhi nella morsa dello smog

Una fitta coltre di veleni ammorba la capitale indiana. Keystone


Nuova Delhi, definita dal governatore Kejriwal "una camera a gas", è nella morsa dello smog. Un manto spesso di veleni avviluppa e ammorba per il quinto giorno consecutivo la capitale indiana mettendo a dura prova la quotidianità dei suoi abitanti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 08:15
tvsvizzera/ATS/spal con RSI (TG del 3.11.2019)

La visibilità per le strade non supera i venti metri e la maggior parte dei voli in arrivo all'aeroporto internazionale Indira Gandhi è stata deviata mentre quelli in partenza subiscono, nella migliore delle ipotesi, ritardi di ore.

A preoccupare è soprattutto l'aumento costante delle concentrazioni di inquinanti. L'indice AQI,  che misura il tasso di polluzione - verificabile in tempo reale sull'apposito sito webLink esterno, ha toccato in media il livello da allarme rosso di 625, mentre in alcune aree della città, come il quartiere di Bawana, è stato registrato un livello record di 999 (secondo l'indice AQI, già intorno ai 200 la qualità dell'aria è nociva per la salute). Il servizio del TG.

Contenuto esterno

Secondo gli esperti l'emergenza è originata da una molteplicità di fattori che le autorità non riescono a contrastare efficacemente, nonostante i numerosi provvedimenti presi. Tutte le scuole sono state chiuse fino al 5 novembre e i bambini sono stati invitati a restare chiusi in casa, evitando le attività all'aperto e nei parchi giochi.

È stata inoltre avviata la distribuzione porta a porta di 5 milioni di maschere in tutte le famiglie in cui ci sono bimbi e anziani. Tutti i cantieri edili e stradali sono stati sospesi, così come le attività delle aziende che consumano petrolio o carbone mentre sulle strade la circolazione è consentita a targhe alterne.

Ma secondo molti esperti a causare l'emergenza sono stati gli incendi delle stoppie per preparare i campi alle nuove semine ad opera dei contadini dei vicini Stati dell'Haryana e del Punjab, a nord della capitale.

Nonostante la crisi in numerosi quartieri della metropoli gli abitanti non hanno rinunciato, sfidando i divieti, ai fuochi d'artificio durante la notte di Diwali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.