Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Alte temperature Chi fa le spese di una primavera in anticipo

L'inverno meteorologico (1° dicembre-28 febbraio) sta per finire. Ma ci si chiede se sia mai davvero iniziato: in Svizzera, le temperature stagionali sono le più alte degli ultimi 150 anni e il mese di gennaio è stato il più caldo da quando si effettuano misurazioni giornaliere. Anche in Europa del Nord, Russia o Canada le temperature del primo mese dell'anno hanno battuto tutti i record. La RSI ne ha parlato con un botanico e un ornitologo.

Primo piano di rami con fiori di albero fiorito.

Non certo un'immagine tipica di gennaio-febbraio.

(RSI-SWI)

A introdurre l'argomento, martedì mattina, è stato un tweet Link esternodel centro regionale sud dell'Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzeraLink esterno. Nel giardino dell'istituto, a Locarno-Monti, le violette sono già fiorite, e l'anomalia nelle temperature non è destinata a scomparire nelle prossime due settimane.

(Twitter)

L'intervista del Quotidiano al meteorologo Luca PanzieraLink esterno

Ma fino a che punto la primavera precoce -con temperature che sfiorano i 25 gradi e fiori che sbocciano appena dopo Natale- costituisce un problema per la flora e la fauna?

Il botanico Nicola Schönenberger ricorda che di inverni caldi ce ne sono sempre stati. Il problema è, semmai, il susseguirsi di parecchi inverni miti.

"Cambierà la vegetazione", anticipa l'esperto. "Prevediamo che ci siano interi ecosistemi che possono sparire, ovvero quegli ecosistemi che sono dipendenti dal fresco ma anche quelle specie che sono legate ai sistemi alpini, che hanno bisogno di una copertura nevosa importante durante l'inverno" e che vorranno risalire fino a quando, in vetta, non potranno andare oltre.


(1)

Tabella con alcune temperature record registrate in stazioni di rilevamento di montagna

Analogamente, spiega l'ornitologo Livio Rey, a soffrire di più saranno gli uccelli abituati alle temperature fredde. Ma anche i migratori di lunga distanza hanno un problema: quando tornano in Svizzera, la primavera già inoltrata fa trovare loro meno cibo. Le uova di insetti, ad esempio, sono già schiuse.

(2)

Intervista del TG RSI al botanico Nicola Schönenberger e all'ornitologo Livio Ray in merito agli inverni troppo caldi

Nel servizio RSI, le interviste a Schönenberger e Rey. 

tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano e TG del 18.02.2020)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box