Navigation

Funerali privati per Maradona

Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

Alta tensione tra la polizia e la folla di persone in attesa di rendere l'estremo omaggio a Diego Maradona ad alcune centinaia di metri dalla Casa Rosada, dove era allestita la camera ardente. Nel pomeriggio di giovedì si sono poi svolti in forma privata i funerali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 novembre 2020 - 13:44

Dopo la decisione della famiglia di non estendere l'orario oltre le 16 (le 20 in Svizzera), la polizia ha tagliato all'altezza delle Avenida 9 de Julio ed Avenida de Mayo la lunga fila scatenando l'ira delle persone in attesa che hanno reagito attaccando gli agenti con il lancio di oggetti e rovesciando le barriere metalliche.

La polizia ha risposto con idranti, sfollagente e fucili con proiettili di gomma. Inizialmente, gli scontri hanno convinto parenti e autorità a posticipare di 3 ore la veglia funebre, che precede la sepoltura del campione argentino. In seguito, è stato tuttavia deciso di sospenderla definitivamente.

Bilancio degli incidenti: decine di feriti e 13 persone fermate. Inoltre, si contano danni materiali ad infrastrutture cittadine e ad alcuni automezzi delle forze dell'ordine.

Fra i feriti, precisa il giornale, ci sono almeno undici agenti della polizia della capitale, oltre ad un numero imprecisato di cittadini che hanno partecipato alle proteste per non poter raggiungere la camera ardente dove era stato collocato il feretro del 'pibe de oro'.

La tensione è rapidamente cessata quando il feretro di Maradona è partito dall'edificio presidenziale verso il cimitero 'Jardin de Bella Vista' a circa 35 chilometri da Buenos Aires.

Funerale privato

Una telecamera da lontano ha ripreso senza audio il momento di intimità, dopo una giornata segnata dalle lacrime, le grida ed i cori di decine di migliaia di persone che lo hanno salutato dentro e fuori della Casa Rosada presidenziale, in uno scenario come detto non privo di violenza. La cerimonia si è conclusa con un lungo applauso. Maradona è stato seppellito accanto al padre Don Diego e alla madre Doña Tota.

In precedenza, un vero e proprio fiume di persone, auto e motociclette, ha occupato l'autostrada e le vie vicine per accompagnare il carro funebre. Decine di moto della polizia hanno scortato il mezzo con le spoglie del campione argentino, insieme ad altri mezzi delle forze dell'ordine, mentre i suoi sostenitori si sono accostati con le auto ai margini della strada, arrampicati sulle barriere e affacciati dai cavalcavia.

Una folla con bandiere e striscioni, intonando cori da stadio, ha accolto l'arrivo del corteo al cimitero, dove si sono registrati nuovi momenti di tensione. La gente ha iniziato ad avvicinarsi alle porte, scontrandosi con le forze di sicurezza dispiegate sul posto. Sono partite pietre in direzione degli agenti, che hanno risposto con l'uso di fucili con proiettili di gomma. Poi, è tornata la calma.

Il servizio del telegiornale:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.