Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

All'indomani dell'attacco Attentato a Westminster, Londra "non ha paura"

"Non abbiamo paura e non cederemo di fronte al terrorismo". Lo ha detto la premier britannica Theresa May all'indomani dell'attentato a Westminster che ha provocato la morte di tre persone e il ferimento di altre 40 (di cui sette in condizioni critiche). L'autore, abbattuto dalle forze dell'ordine, era un cittadino britannico noto ai servizi segreti del Regno Unito. L'attacco è stato rivendicato dallo Stato islamico (ISIS).

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nella capitale britannica continuano a ritmo serrato le indagini. Sette persone sono state arrestate: non avrebbero un ruolo diretto nell'attacco a Westminster, ma potrebbero far parte di una rete a cui apparteneva il terrorista.

Rivendicazione dell'ISIS

L'attentatore avrebbe agito da solo, "ispirato dal terrorismo internazionale", ma per ora di ufficiale c'è ben poco. L'agenzia di propaganda dell'autoproclamato Stato Islamico (ISIS) ha rivendicato l'attacco giovedì pomeriggio, indicando che l'autore era un suo "soldato" e che "l'operazione è stata effettuata in risposta all'appello di colpire i paesi della coalizione". 



Fiori per l'agente ucciso. 

Fiori per l'agente ucciso. 

(Keystone)

"Sappiamo che la minaccia dal terrorismo islamista è molto reale", aveva detto poco prima la premier Theresa May, ",a mentre la gente deve essere fortemente vigile allo stesso tempo non deve essere intimorita da questa minaccia. Non c'è ragione di temere che ci saranno nuovi attacchi". 

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 23.03.2017)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×