Navigation

Hanno giurato 32 nuove guardie svizzere

Il 6 maggio, anniversario del Sacco di Roma del 1527, è la festa della Guardia svizzera pontificia Keystone

Le nuove guardie svizzere hanno prestato giuramento domenica in Vaticano. La promozione delle 32 reclute coincide con l'introduzione di un nuovo elmo e una preoccupazione: il numero esiguo di aspiranti idonei.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 maggio 2018 - 09:15
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 06.05.2018)

"Un saluto speciale va alle nuove guardie svizzere, ai loro familiari ed amici, nel giorno della festa di questo storico e benemerito corpo".

Così papa Francesco, in piazza san Pietro, si è rivolto alle 32 reclute ricordando al contempo la ricorrenza del 6 maggio, fissata in ricordo dei 147 soldati elvetici caduti in difesa di Clemente VII nel Sacco di Roma del 1527.

Cantone ospite della cerimonia è stato quest'anno Lucerna. Nessuna nuova leva della Guardia svizzera pontificiaLink esterno ha giurato in lingua italiana.

Contenuto esterno

Il comandante Christoph Graf ha annunciato la novità dell'aumento del contingente da 110 fino a un massimo 135 uomini, che dovrà fare i conti con la difficoltà a trovare nuovi aspiranti idonei, nonostante una campagna moderna come quella su YoutubeLink esterno.

Venerdì, lo stesso Graf aveva presentato il nuovo elmo nero delle Guardie, non più in ferro battuto ma in PVC, e prodotto in Svizzera con stampanti tridimensionali. Ne risulta un casco molto più leggero e funzionale, che costa la metà.

Il nuovo elmo porta inciso lo stemma papale di Giulio II, il Pontefice che fondò il Corpo nel 1506 Keystone

La cerimonia si è svolta nel pomeriggio nel Cortile di San Damaso, alla presenza di centinaia di persone: rappresentanti politici e militari della Confederazione, personalità del Vaticano e della Chiesa cattolica in Svizzera, parenti e amici delle reclute.

La Guardia si è schierata al suono della banda in uniforme di gran gala, dal comandante all'ultimo alabardiere.

Dopo il testo integrale del giuramento, letto dal cappellano del piccolo esercito, ogni recluta è stata chiamata per nome a confermare a gran voce fedeltà, lealtà, ubbidienza e l'impegno a sacrificare, ove occorra, anche la propria vita.




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.