Navigation

La Grecia di nuovo sulle sue gambe

Un mercato di Atene in un'immagine d'archivio. Keystone
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 giugno 2018 - 13:10
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 22.06.2018)

I ministri delle finanze dei Paesi della zona euro hanno raggiunto giovedì, dopo otto ore di negoziato, un accordo di principio sull'uscita della Grecia dal programma di aiuti. Il piano comprende, tra l'altro, misure per alleggerire il debito.

Secondo quanto si apprende, l'EurogruppoLink esterno ha deciso che l'ultima tranche di prestiti sarà di 15 miliardi di euro.

In base all'accordo, il termine di pagamento dei 110 miliardi di euro ricevuti dal vecchio fondo salva-StatiLink esterno (Efsf) è posticipato di 10 anni, così come è esteso di 10 anni il 'periodo di grazia' (ovvero nel quale non scatteranno sanzioni di ritardo).

I 15 miliardi dell'ultima tranche daranno alla Grecia una riserva di capitale che coprirà tutti i bisogni finanziari del prossimo anno. 

"La Grecia lascia il programma di aiuti con un'economia più forte, ottenuta grazie alle riforme, ed è importante che prosegua nello sforzo di riforma", si legge nel comunicato finale dei ministri dell'Eurozona.

Contenuto esterno

Il commissario UE agli affari economici Pierre Moscovici, da parte sua, ha parlato di momento "storico ed eccezionale, la crisi greca finisce stasera in Lussemburgo".

I costi della migrazione

Al suo arrivo a Lussemburgo venerdì -per la riunione dei ministri delle finanze dei 28 (EcofinLink esterno)-  il commissario UE al bilancio Guenther Oettinger ha invocato la solidarietà di tutta l'Europa verso Grecia, Malta, Cipro, Bulgaria, Italia e Spagna, ovvero i Paesi più colpiti dalla crisi dei migranti, "per alleviare il loro onere e rimborsare e onorare una parte dei loro costi e sforzi".

Per questo, raccomanda che il minivertice di domenica a Bruxelles sia come "un richiamo della strada verso l'unità europea" per risolvere il problema.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.