Navigation

Altro storico passo avanti per gli autisti di Uber

La stessa Uber ha definito l'accordo un passo verso "una vita lavorativa più giusta". © Keystone / Christian Beutler

Nel Regno Unito, i circa 70'000 autisti di Uber -il servizio taxi fornito da comuni conducenti con la loro auto privata- potranno essere rappresentati da un sindacato. L'accordo giunge due mesi dopo che l'azienda ha dovuto riconoscere loro lo status di lavoratori dipendenti. Una prima assoluta che la Radiotelevisione svizzera RSI ha commentato con un sindacalista di Ginevra, primo cantone in Svizzera dove pure la giustizia ha imposto a Uber di riconoscere gli autisti come salariati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2021 - 12:04

La stessa Uber -che aveva concesso salario minimo e ferie pagate per ingiunzione della corte suprema di Londra- parla ora dell'intesa come del primo passo verso "una vita lavorativa più giusta" per milioni di persone.

Gig economy è quel settore dell'economia dove persone senza contratto si guadagnano da vivere, del tutto o in parte, fornendo servizi saltuari come passaggi in auto, consegne, l'affitto di una stanza. I precursori -come il baby sitting o le ripetizioni private- hanno pure approfittato del diffondersi di siti internet e applicazioni che mettono in contatto domanda e offerta.

End of insertion

L'accordo collettivo prevede che la GMB Union rappresenti gli autisti Uber di tutto il Regno Unito, che avranno tra l'altro il diritto di scegliere se, quando e dove guidare benché non siano più lavoratori autonomi, come il colosso americano li considerava fino a due mesi fa.

Da adesso in poi, i rappresentanti dei conducenti potranno dunque negoziare su questioni relative a retribuzioni, previdenza, assistenza sanitaria.

Un precedente che avrà probabilmente ricadute su tutta la cosiddetta gig economy.
 

Contenuto esterno

Nel servizio RSI da Londra, l'intervista al portavoce della GMB Union e alla giurista Rebecca Thornely-Gibson

Mentre Uber valuta di estendere la validità dell'accordo ad altri Paesi europei, dagli Stati Uniti arriva notizia che il 70% del personale di Amazon a Bessemer, in Alabama, ha votato contro l'ingresso dei sindacati in azienda, apparentemente per paura di perdere il lavoro.

Più in generale, quella che chiamiamo nuova economia non pare sempre compiere dei passi in avanti per quanto riguarda le condizioni di lavoro dei propri impiegati.

I quali, secondo il sindacalista Umberto Bandiera di Unia Ginevra, lavorano per multinazionali che si presentano come simbolo di modernità ma offrono condizioni di lavoro più simili a quelle degli inizi della rivoluzione industriale.

Contenuto esterno

L'intervista integrale a Bandiera.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 27.05.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.