50 Km di coronapiste Anche Parigi colpita dal virus della bicicletta

Di Davide Mattei, RSI

La sindaca di Parigi Anne Hidalgo lancia un piano con 50 km di piste ciclabili, 'le coronapiste' per la crisi Covid-19. Tanti sostegni ma anche alcune critiche.

Due giovani in bicicletta fermi davanti alla cattedrale Notre Dame.

La bicicletta, un modo diverso per muoversi anche per i turisti che presto invaderanno le vie di Parigi.

Keystone / Yoan Valat

Il 'Velopolitain' era già presente nel programma della sindaca Anne Hidalgo alle elezioni municipali dello scorso marzo. Una rete di 170 km di piste ciclabili - numerate come quelle della metropolitana - che saranno messe in cantiere se la prima cittadina uscente sarà rieletta (il secondo turno previsto per il 22 marzo è stato rinviato a causa del Coronavirus).

L'arrivo della crisi Covid-19 ha però stravolto - e accelerato - tutto. I mezzi pubblici dell'Île-de-France hanno dovuto dividere per 5 la loro capacità per assicurare le distanza di sicurezza tra passeggeri (si è passati da 5 a 1 milione di passeggeri al giorno su bus, metro e Rer della regione).

Così Anne Hidalgo ha messo mano a quello che in comune chiamano 'urbanismo tattico' e ha dato vita a una cinquantina di chilometri di tracciati per biciclette, realizzati spesso durante la notte, e segnalati con strisce e barriere giallo fluorescente: le 'coronapiste'.

Non tutti però plaudono. Le associazioni di automobilisti protestano e chiedono che alle misure di restrizione del traffico si accompagnino almeno provvedimenti per aiutare chi ha bisogno di muoversi con l'auto. In autunno si deciderà se le 'coronapiste' provvisorie saranno tracciate in modo definitivo sul selciato della Ville Lumière o se al contrario rispariranno. Ma il vento della crisi Covid soffia nella direzione dei progetti di Hidalgo, che i sondaggi danno come favorita alla rielezione.

Ecco il servizio da Parigi del nostro inviato.


Parole chiave