Navigation

100 giorni dalla Brexit: passaporto britannico richiestissimo

Dopo più tre mesi dal referendum, l’unica certezza è che non ci sono certezze. Un timore si fa largo: molto probabilmente in futuro diventerà più complicato attraversare la Manica

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2016 - 20:40

Appelli, indiscrezioni, ipotesi. Analisi e congetture, in attesa della Brexit. Sono ormai trascorsi 100 giorni dallo tsunami referendario, ma il divorzio da Bruxelles tarda a compiersi. Se l'Unione Europea ha fretta di iniziare i negoziati, Londra tergiversa, indugiando in speculazioni sui possibili scenari. Le parole prima dei fatti. Il post-Brexit è un limbo di supposizioni inevitabili senza possibilità di riscontro.

Formulazione vaga e rassicurante

Theresa MayLink esterno ha promesso una Brexit onesta e coerente, evitando deliberatamente ogni ulteriore specifica. "Brexit significa Brexit" è una formulazione studiatamente vaga non meno che rassicurante. Garantisce il rispetto del voto popolare, senza però impegnarsi a rispecchiare un preciso schema. Sarà un'uscita senza compromessi o accomodante? Si andrà allo scontro o al compromesso? Ma soprattutto, quando?

Nessuna certezza

Così, dopo più tre mesi dal referendumLink esterno, l'unica certezza è che non ci sono certezze all'ombra del Big Ben. Un timore, però, si fa largo tra i quasi tre milioni di europei che vivono sull'isola: molto probabilmente in un prossimo futuro diventerà più complicato attraversare la Manica. Più ostacoli burocratici, limitazioni, tempi di attesa. Così, nonostante le rassicurazioni della stessa May - e come suggerisce il buonsenso che esclude una deportazione di massa - sono esplose le richieste di cittadinanza britannica.

Domande in aumento

Un cambio legislativo alla vigilia del voto ha complicato la procedura e allungato l'iter per ottenere il passaporto di Sua maestà. Ciononostante le domande continuano ad aumentare, finendo per ingolfare l'Home Office. Che si è trovato costretto a studiare - per smaltire il sovraccarico - l'introduzione di un gigantesco database digitale. Finora, l'unica conseguenza concreta della Brexit.

Lorenzo Amuso

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.