Navigation

'ndrangheta: 38 arresti in Lombardia

Le indagini sono durate quasi due anni e hanno coinvolto la Svizzera; filmati per la prima volta i rituali d'affiliazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 novembre 2014 - 21:54

Una vasta operazione antimafia è stata portata a termine questa mattina in Lombardia. I carabinieri hanno arrestato 38 persone, affilliate a tre gruppi della 'ndrangheta radicati saldamente nel Comasco e nel Lecchese, con sconfinamenti in Svizzera. Alle indagini, che sono durate quasi due anni, ha collaborato il Ministero pubblico della Confederazione.

Fra gli arrestati figurano anche un imprenditore metallurgico italiano residente a Gudo, nel Canton Ticino, e Giuseppe Larosa, detto Peppe La Mucca, sul quale proprio il Ministero pubblico della Confederazione sta conducendo un'indagine penale per legami con l'organizzazione criminale.

Non è la prima volta che le indagini confermano infiltrazioni della 'ndrangheta in Svizzera. In agosto l'arresto di 16 persone aveva svelato l'esistenza di una costola a Frauenfeld, nel canton Turgovia, attiva da oltre 40 anni.

Nell'operazione conclusa martedì i carabinieri sono riusciti a documentare i tipici rituali della 'ndrangheta. Un risultato inedito nella storia delle indagini antimafia in Italia. Finora queste antiche consuetudini erano conosciute solo attraverso il racconto dei pentiti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.