Navigation

È nato il comitato per il Veneto indipendente

tvsvizzera

Dopo la consultazione on line i secessionisti intendono organizzare un referendum ufficiale

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2014 - 12:54

Intervista a Palmarino Zoccatelli, presidente dei referendisti

Sulla scia del successo della consultazione on line, che non ha alcun valore giuridico, è stato costituito comitato Veneto Indipendente. Lo scopo è quello di procedere quanto prima all'organizzazione di un referendum ufficiale su tutto il territorio veneto, attraverso varie iniziative (in particolare l'approvazione di uno specifico progetto di legge regionale), che apra la via all'indipendenza.

"Le centinaia di migliaia di voti nel sondaggio via internet, ha detto il capo delegazione della Lega al Parlamento europeo Lorenzo Fontana, alla luce dei risultati del sondaggio su internet resi noti da Plebiscito.eu - ma anche le firme raccolte dalla Lega dall'inizio di marzo, debbono ora tradursi in una iniziativa ufficiale che senza alcun sospetto o ombra porti i veneti alle urne in tutto il territorio. Il Comitato, in preparazione a questo, promuoverà iniziative in tutte le piazze per sensibilizzare e informare l'opinione pubblica sulle ragioni della causa indipendentista".

I promotori del comitato referendario affermano l'illegalità del plebiscito del 1866, che sancì l'annessione del Veneto al Regno d'Italia, supportati dal parere di esperti di diritto internazionale e auspicano per la regione nord-orientale un modello costituzionale alla scozzese.

Qui di seguito l'intervista al presidente del comitato per Veneto Indipendente Palmarino Zoccatelli che aspira alla creazione di uno Stato autonomo, sul modello scozzese, attraverso il coinvolgimento della popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.