Navigation

Eruzione a Stromboli, morto un escursionista

Una forte eruzione ha interessato mercoledì l'isola di Stromboli poco prima delle 17:00. È stata tra le più intense mai registrate da quando è attivo il sistema di monitoraggio del vulcano. Un'escursionista è morto mentre si trovava sulle pendici sotto il cratere. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 luglio 2019 - 20:20
tvsvizzera.it/Zz/ansa con RSI (TG del 03.07.2019)
Contenuto esterno


I lapilli incandescenti sono caduti su canneti e arbusti appiccando il fuoco anche a basse quote, e facendo fuggire la gente. C'è stato chi ha cercato riparo in casa, chi si è buttato in mare per paura dei roghi, chi è caduto, come due escursionisti per il cui salvataggio sono impegnati i vigili del fuoco con un elicottero. E chi ha potuto, se aveva una barca o un amico o un conoscente con un natante, si è allontanato. 

In serata l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha sottolineato che il violento fenomeno esplosivo "si può considerare sostanzialmente concluso", ma non è possibile prevedere se ci saranno delle repliche. "Sono fenomeni imprevedibili - ha spiegato il direttore dell'Osservatorio Etneo dell'Ing, Eugenio Privitera - di conseguenza non si possono fare scenari". E ha ricordato che casi di emissione di così grande energia "sono abbastanza rari, perché lo Stromboli è caratterizzato da un'attività continua ma a bassa energia". Ma la paura continua a permeare Stromboli e i suoi abitanti. In molti si preparano a passare la notte all'aperto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.