Navigation

Chamois, il paese isolato senza strada

A Chamois si arriva solo con questo mezzo... @funiviachamois

Prosegue  il nostro viaggio tra gli "isolati da sempre". Lasciate le rive del Mediterraneo dove eravamo la settimana scorsa (a Ginostra per la precisione), ci spostiamo sulle Alpi, a Chamois, dove si arriva solo... appesi ad un filo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2021 - 19:00

Chamois è un piccolo borgo della Valle d’Aosta che, in Italia, ha una peculiare primato: non arriva nessuna strada. Il paese è infatti l’unico comune italiano sulla terraferma non raggiunto da una carrozzabile

A prima vista, con le sue baite immerse nella neve, potrebbe assomigliare a molti altri paesi abbarbicati sui versanti della Valtournenche, ai piedi del Cervino. Ma basta uno sguardo a una mappa per vedere che a Chamois non arriva nessuna strada: il paese è infatti l’unico comune italiano sulla terraferma non raggiunto da una carrozzabile

Nel 1953, in pieno boom economico, la cittadinanza prese con un referendum una decisione controcorrente e avanguardistica: rifiutare le auto e costruire un mezzo di trasporto alternativo per tutti i suoi abitanti: la funivia.

A quasi settant’anni di distanza, quella scelta ha fatto diventare il borgo celebre anche al di fuori della valle e molti nuovi cittadini l’hanno scelto proprio per la quiete che si respira tra le sue viuzze. Quel filo d’acciaio che poteva sembrare troppo sottile per sorreggere il peso del progresso si è rivelato invece la chiave per la sopravvivenza della comunità.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.