Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Un disastro annunciato? L'ombra dell'amianto sull'incendio a Pomezia

Ci vorranno almeno due giorni per valutare i danni e l'impatto dell'incendio che ieri ha distrutto un deposito di rifiuti industriali a Pomezia, località a sud di Roma, un rogo sul quale aleggia la paura legata all’amianto, che si sospetta possa essere contenuto nel tetto dei capannoni bruciati.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sulle cause del rogo indaga la procura di Velletri, e che ha sprigionato una densa colonna di fumo nero rendendo l'aria irrespirabile a causa della plastica e dei materiali riciclati bruciati.

Per sicurezza è stata disposta la chiusura di scuole e uffici nelle vicinanze, ma sono stati  21 i comuni coinvolti e per i quali la popolazione è stata invitata dalla sindaca di Roma Virginia Raggi a restare in casa con le finestre ben chiuse,  anche per la possibile presenza di amianto nei tetti dei capannoni.

Adesso bisognerà valutare gli effetti dell'incendio sul terreno, sulle coltivazioni, mentre è stato disposto il divieto di pascolo per gli animali delle fattorie della zona. Ed è già polemica sul sindaco di Pomezia Fabio Fucci, per le inascoltate denunce, dicono i residenti, sui rifiuti che si accumulavano anche al di fuori dei capannoni preannunciando l'incidente, puntualmente accaduto.

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 06.05.2017)

×