Navigation

Draghi: “L’Italia è pronta a dare il benvenuto al mondo”

"Dobbiamo offrire regole chiare, semplici per garantire che i turisti possano venire da noi in sicurezza", ha detto il premier italiano. Lapresse

L'Italia è pronta a riaprire ai visitatori internazionali. Lo ha dichiarato il premier Mario Draghi in un intervento alla riunione dei ministri del turismo del G20.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2021 - 20:07

"Il mondo vuole viaggiare in Italia e l'Italia è pronta a dare il benvenuto il mondo", ha affermato Draghi, annunciando l'introduzione di un certificato che permetterà di viaggiare nella Penisola.

"Noi dobbiamo offrire regole chiare, semplici per garantire che i turisti possano venire da noi in sicurezza. A partire dalla seconda metà di giugno sarà pronto il green pass europeo. Nell'attesa, il Governo italiano ha introdotto un certificato verde nazionale, che entrerà in vigore a partire dalla seconda metà di maggio", ha aggiunto.

Questo pass sarà conferito alle stesse condizioni di quello europeo. Lo potrà ricevere chi è guarito dalla Covid-19, chi è stato vaccinato o chi è risultato negativo al tampone. Consentirà lo spostamento anche nelle regioni arancioni o rosse.

Attualmente, i turisti provenienti dall'Unione europea e dallo spazio Schengen (dunque anche la Svizzera) possono entrare in Italia con un risultato di un test Covid negativo, devono osservare una quarantena di 5 giorni nel luogo di destinazione ed effettuare un altro test alla fine dell'isolamento. Per chi proviene da altri Paesi la quarantena è di 10 giorni.

Crollo del 60%

Il crollo del turismo in Italia è stato di oltre il 60% nel 2020 rispetto all'anno prima: solo 25,53 milioni di visitatori si sono recati nella Penisola contro i 65 milioni del 2019. A livello economico si trovano le stesse proporzioni, con una perdita di guadagno di 26,85 miliardi di euro.

I ministri del Turismo del G20 hanno adottato nel corso della riunione delle linee direttive per la ripresa del settore, tra cui i viaggi in sicurezza, la digitalizzazione, gli investimenti e le infrastrutture, il tutto all'insegna dell'inclusività e la sostenibilità ambientale.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 05.05.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.