Navigation

Prende il reddito di cittadinanza con il marito frontaliere

Keystone / Luca Zennaro

Presunta truffa all'Inps da parte di una donna residente a Carlazzo (Como). Risultava senza mezzi finanziari ma il marito lavorava in Svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2020 - 16:55
tvsvizzera/ats/spal

Una donna è stata denunciata alla procura della Repubblica di Como per una presunta truffa ai danni dello Stato.

Secondo quanto ha stabilito la Guardia di finanza di Menaggio l'indagata ha percepito indebitamente il reddito di cittadinanza per un valore complessivo di diverse migliaia di euro.

Dall'anno scorso era infatti beneficiaria della rendita sociale nonostante il marito, frontaliere, lavorasse in Svizzera, circostanza che era stata omessa nella richiesta del sussidio inoltrata all'Inps.

Gli inquirenti, insospettiti dal tenore di vita della coppia - tra le altre cose possedeva un'auto di grossa cilindrata - residente a Carlazzo, comune a una decina di chilometri dal confine elvetico, hanno svolto gli accertamenti del caso per verificare l'esatta situazione finanziaria dei coniugi.

Grazie anche alle informazioni ricevute dal Centro di cooperazione di polizia e doganale di Chiasso, le fiamme gialle hanno scoperto l'attività remunerata dell'uomo nella Confederazione.

Alla donna, oltre alla denuncia penale per la quale rischia una condanna detentiva fino a sei anni, è stata intimata la restituzione della somma ricevuta senza diritto.  

tvsvizzera/ats/spal

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.