Navigation

Svizzera uccisa a Perugia, un arresto

Lo stabile di Perugia dove viveva la 73enne elvetica morta venerdì Foto ANSA

La 73enne cittadina elvetica era stata trovata morta venerdì; fermata un'amica della figlia

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 maggio 2016 - 22:22

La giudice per le indagini preliminari di Perugia Lidia Brutti ha convalidato lunedì pomeriggio il fermo di una 53enne apolide d'origine albanese, in carcere con l'accusa di aver assassinato una 73enne svizzera venerdì scorso nell'appartamento di quest'ultima, situato nel centro storico del capoluogo umbro.

Il magistrato ne ha anche disposto la custodia cautelare in prigione. La donna durante l'udienza di convalida ha ammesso di aver spinto per le scale l'anziana, dicendo che voleva cacciarla di casa.

Secondo quanto ipotizzato dagli investigatori, la 53enne avrebbe picchiato a morte la cittadina svizzera, presso cui viveva in virtù della relazione che aveva avuto con la figlia della vittima, anche lei deceduta pochi mesi fa a causa di una malattia.

La donna è accusata di omicidio volontario aggravato da crudeltà e futili motivi.

ATS/ANSA/EnCa

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.