Navigation

Da "uomo ombra" a scrittore

@perunaltracitta.org

Conosciuto negli anni Ottanta come il "boss della Versilia", Carmelo Musumeci oggi è in libertà condizionale. Nel frattempo ha conseguito tre lauree e oggi si dedica al volontariato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 marzo 2021 - 09:56
Ilaria Romano, RSI News

Carmelo Musumeci è stato il primo condannato in Italia al “fine pena mai”, l’ergastolo ostativo. Prima dell’arresto - per reati di mafia nel 1991 - ha già alle spalle una lunga attività criminale che lo accompagna sin da piccolo, quando nella sua Sicilia la nonna lo portava a rubare al mercato.

Da adolescente conosce prima il collegio e poi il carcere minorile. Negli anni Ottanta, poco più che ventenne, il “boss della Versilia” è a capo di una banda che gestisce il gioco d’azzardo, le estorsioni e lo spaccio di droga lungo il litorale tirrenico, dalla Liguria alla Toscana.

Degli ultimi trent’anni, Musumeci ne ha trascorsi in cella 25, prima che il suo ergastolo ostativo fosse commutato in ordinario. Ha conosciuto penitenziari di massima sicurezza, come l'Asinara, dove ha scontato anche un periodo di isolamento, e nel frattempo ha trovato nello studio e nella scrittura, una ragione per andare avanti.

Oggi ha tre lauree, è in libertà condizionale, ha numerosi romanzi e saggi all’attivo e si dedica al volontariato. Ecco la sua testimonianza dove ancora non si perdona per il male che ha commesso:

Contenuto esterno


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.