Navigation

Sequestrate false benedizioni

Le contraffazioni erano identiche alle pergamene originali twitter @anticoliaugusto

La Guardia di finanza di Roma ha smantellato un traffico di Santi auguri fraudolenti

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 dicembre 2015 - 18:36

I militi della Guardia di finanza di Roma hanno sequestrato non meno di 3'500 benedizioni apostoliche contraffatte con tanto di stemmi pontifici e le foto di Papa Francesco.

I Finanzieri, in collaborazione con i colleghi della Gendarmeria vaticana, hanno individuato, in un negozio vicino alla Basilica Petrina, una stamperia abusiva che produceva i souvenir senza aver ottenuto le necessarie autorizzazioni dal Governatorato pontificio.

Il valore delle pergamene sequestrate supera i 70'000 euro, ma è ancora in corso il calcolo delle somme già incassate con le vendite nei primi giorni. Queste venivano fatte compilare ai pellegrini per una "richiesta di benedizione apostolica". Documenti che però non sono mai stati recapitati alla Santa Sede.

Sequestrati un milione di prodotti

Intanto il ministro dell'Interno italiano Angelino Alfano ha fatto sapere che durante la prima settimana del Giubileo sono già stati sequestrati un milione di prodotti nel corso di quella che è stata denominata l'operazione "Iubilaeum", il cui obiettivo è quello di "assistere i pellegrini, elevare la sicurezza percepita e contrastare l'abusivismo commerciale, ricettivo e turistico".

mrj

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.