Navigation

Schmidheiny, omicidio colposo e non volontario

Il 26 ottobre scorso fuori dal tribunale ansa

Derubricata l’accusa nei confronti del magnate elvetico, accusato nel processo Eternit bis della morte di 258 persone

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2016 - 16:31

Omicidio colposo e non volontario: così è stata derubricata l'accusa per l'imprenditore svizzero Stephan Schmidheiny, imputato per la morte da amianto di 258 persone al processo Eternit bis.

Il giudice dell'udienza preliminare (GUP) ha dichiarato prescritti un centinaio di casi e, quanto agli altri, ne ha ordinato la trasmissione per competenza territoriale alle procure di Reggio Emilia, Vercelli e Napoli. A Torino restano quindi soltanto due casi per i quali il processo si aprirà il 14 giugno.

Il GUP si è dovuto pronunciare sulla richiesta di rinvio a giudizio formulata dal pubblico ministero, dopo che la Corte costituzionale, con la sentenza dello scorso 21 luglio, ha fugato ogni dubbio sul fatto che ci possa essere un secondo giudizio per il medesimo fatto. Il magnate elvetico era infatti stato oggetto di un procedimento per disastro ambientale finito in prescrizione. Le morti erano state già prese in considerazione come conseguenza del reato, ma ora vengono trattate singolarmente.

ANSA/ludoC

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.