Navigation

Regeni, l'Italia vuole tutta la verità

Giuliano Regeni, friulano 28enne, trovato morto il 25 gennaio in un fosso al Cairo mad/Facebook

Roma manifesta profonda perplessità per la versione fornita dall'Egitto: il giovane ricercatore sarebbe assassinato al Cairo da una banda criminale

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2016 - 14:28

Le autorità italiane hanno manifestato molta perplessità dopo che l'Egitto ha affermato che Giulio Regeni, il giovane ricercatore friulano assassinato all'inizio di febbraio al Cairo, è stato ucciso da una banda criminale, escludendo implicazioni politiche.

Il ministro degli esteri Paolo Gentiloni insiste nel volere tutta la verità sulla vicenda. Alcuni elementi, secondo l'Italia, lasciano pensare che Regeni sia stato rapito torturato e ucciso dai servizi di sicurezza egiziani in quanto elemento scomodo, ipotesi che viene respinta al Cairo.

Scomparso il 25 gennaio e ritrovato mutilato dopo 9 giorni, il 28enne dottorando dell'università di Cambridge era in Egitto per studiare i movimenti sindacali di questo paese.

afp/mas

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.