Navigation

A Torino si brancola ancora nel buio

Contenuto esterno


È ancora mistero su che cosa abbia scatenato sabato sera l’ondata di panico che ha provocato oltre 1'500 feriti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 giugno 2017 - 13:37
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 5.6.2017)

Probabilmente non è stato un petardo e nemmeno urla o un odore sospetto, come era stato ipotizzato. È stata scartata anche la pista del ragazzo a torso nudo catturato dalle telecamere e additato inizialmente come responsabile della psicosi collettiva.

Dopo ore di interrogatori, gli inquirenti non hanno infatti ancora trovato indizi sufficienti per ricostruire la dinamica di quanto accaduto. Per ora non ci sono né indagati né ipotesi di reato. “Ogni ipotesi potrà essere formulata solo dopo la ricostruzione della dinamica dei fatti”, ha indicato lunedì la Procura di Torino.

L’unico dato certo è il numero dei feriti: 1'527, di cui quattro ancora in gravi condizioni. A destare preoccupazioni sono soprattutto una ragazza di 26 anni e un bambino di 7 anni, con traumi al torace e alla testa. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.