Navigation

Operativo a Roma il piano sicurezza in vista del Giubileo

Migliaia gli agenti schierati in città e in periferia keystone

Verso maggiori controlli nella capitale italiana - 2'000 agenti per presidiare oltre 1'000 obiettivi sensibili

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 novembre 2015 - 14:34

Iniziano lunedì i 15 giorni che rappresentano una sorta di prova generale per le forze dell'ordine in vista del "Giubileo ai tempi dell'IS", così definito dal questore di Roma: 2'000 gli agenti per le strade che presidieranno, oltre ai 1'000 obiettivi sensibili, autobus e metropolitane. Sorvegliati speciali Piazza San Pietro, l'aeroporto di Fiumicino e i principali monumenti della città, dal Colosseo alla fontana di Trevi.

Il "Piano Giubileo" prevede, inoltre, l'installazione di metal detector e la possibilità di effettuare perquisizioni di cittadini e visitatori. Dall'8 dicembre entrerà in vigore la no-fly zone: il divieto di sorvolo sulla città per gli ultraleggeri. "Le misure sono molto più stringenti e di immediata percezione, ma non cambierà nulla per la libertà e i diritti dei cittadini; stiamo infatti utilizzando tutti gli strumenti che le norme vigenti ci mettono a disposizione", ha spiegato il prefetto della capitale Franco Gabrielli.

Da parte del Vaticano, invece, non c'è stata nessuna richiesta per aumentare le misure di sicurezza.

ATS/CaL

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.