Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Nel 2020, oltre 40 mila morti per inquinamento

È la stima della Valutazione integrata dell'impatto ambientale e sanitario (VIIAS): pesano le PM 2.5, il biossido di azoto, l'ozono

Seppur atteso, l'ultimo rapporto VIIAS -Valutazione integrata dell'impatto ambientale e sanitario dell'inquinamento atmosferico- registra dati terrificanti.

Particolato PM 2.5, biossido di azoto e ozono sono gli inquinanti che più preoccupano il Ministero della Salute, il quale certifica un trend sostanzialmente in miglioramento ma assolutamente insufficiente per limitare il numero di decessi a causa dello smog.

Le spaventose stime effettuate dal dicastero presieduto dal ministro Lorenzin indicano sul 2020: 28.595 morti a causa delle PM 2.5, 10.117 per biossido di azoto e oltre 2.500 per ozono.

Previsioni che stonano su quelli che sono stati gli impegni presi dai leader mondiali in materia ambientale dopo la Cop21, la Conferenza mondiale sul clima, e che lasciano seri dubbi sulla vera intenzione dei governi ad attuare politiche volte al miglioramento della qualità dell'aria.

A raccogliere l'allarme tracciato dal VIIAS è in primis Legambiente, che sottolinea come i costi delle cure sostenuti dal governo per malati che soffrono di patologie croniche cardiorespiratorie e tumore polmonare siano di gran lunga maggiori rispetto a misure immediatamente attuabili che fra dieci, quindici anni potranno davvero risultare provvidenziali.

In Regione Lombardia l'assessore all'ambiente, Claudia Terzi, rivendica il "Piano Aria" partito già tre anni fa e lamenta l'assenza di supporto e dialogo con il relativo dicastero romano dove, a detta dell'assessore, il ministro Galletti fa orecchie da mercante di fronte alla richiesta di investimenti da parte delle Regioni.

A replicare alla Terzi, il consigliere regionale PD, Giuseppe Villlani: "La giunta Maroni non ha abbastanza a cuore questo tema e a dimostrarlo vi è la totale assenza di fondi ulteriori destinati all'ambiente nell'ultimo assestamento di bilancio".

Ai cittadini, intanto, si continua a chiedere un cambiamento nelle proprie abitudini di vita, in particolar modo per ciò che concerne la mobilità. Fino al prossimo blocco del traffico.

Andrea Eusebio e Marion Didier/alaNEWS
hanno collaborato Laura Fazzini e Noemi La Barbera

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×