Navigation

"È ora che lo Stato rimpari a distinguere tra vittime e carnefici"

Sono passati esattamente quarant'anni da quando a Roma, abbandonato in una Renault 4 rossa, fu ritrovato il cadavere di Aldo Moro, ucciso dalle Brigate Rosse dopo un sequestro durato quasi due mesi. La Radiotelevisione svizzera ha incontrato la figlia dello statista Maria Fida e il nipote Luca, al quale Moro indirizzò diverse lettere che scrisse dalla prigionia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2018 - 20:50
tvsvizzera.it/Zz Con RSI (TG del 09.05.2018)
Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.