Navigation

Milano invasa dai corni delle Alpi

420 suonatori di corno alpino, 10 sbandieratori, 10 tamburi e 8 portatori di alabarde daranno vita a due esibizioni senza precedenti sul sito di Expo 2015 e in Piazza del Duomo di Milano. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2015 - 19:56

Apre le danze "Guglielmo Tell" di Rossini, da cui è stata tratta nel 1924 la sequenza a tre voci dei clacson degli autopostali svizzeri. La particolarità, oltre al folto numero di corni, è che per la prima volta un concerto simile è organizzato all'estero. La più grande esibizione di corni delle Alpi aveva riunito nel 2013 oltre 500 suonatori di fronte al Cervino.

Per gli organizzatori, le due esibizioni saranno utili per dare un'immagine diversa della Svizzera. "Tra evasione fiscale, commercio di materie prime, freno all'immigrazione, scandali presso la FIFA e via dicendo, la Svizzera si ritrova da alcuni anni al centro di critiche a livello internazionale. Con questi concerti vogliamo mettere in primo piano anche gli aspetti positivi del nostro paese, come la neutralità e l'indipendenza", spiega Hanspeter Danuser Presidente dell'Associazione svizzera dello jodel.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.