Navigation

Megasciopero, Italia bloccata

Sarà una giornata pesante per chi usa i mezzi pubblici in Italia tvsvizzera

Servizi e trasporti pubblici fermi ovunque per protestare contro le politiche sociali del Governo

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2016 - 10:10

Sarà un venerdì nero il 18 marzo per i servizi e i trasporti pubblici in Italia. Scatta infatti fin dalle prime ore della giornata uno sciopero generale di tutti i servizi pubblici, dagli uffici comunali alle scuole, dagli ospedali ai vigili urbani fino ai tribunali.

La protesta è stata indetta da svariate sigle sindacali di settore, che hanno invitato i propri affiliati a incrociare le braccia per l'intera giornata "contro la guerra e la politica economica e sociale del Governo Renzi".

Sul fronte dei trasporti si prevede lo stop di mezzi pubblici e ferrovie mentre è sospeso lo sciopero dei taxi. A Milano lo stop interesserà le linee di superficie dalle 8.45 alle 15.00 e dalle 18.00 fino alla fine del servizio. Il settore ferroviario si fermerà della 21.00 del 18, alle 21.00 del 19 marzo. Sul sito di Trenitalia si legge che i treni veloci circoleranno regolarmente, mentre per i convogli regionali saranno garantiti i servizi essenziali previsti in caso di sciopero nei giorni feriali dalle 6.00 alle 9.00.

ATS/ANSA/Reuters/EnCa

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.