Navigation

De Magistris: "Notte buia per Napoli"

C'è anche chi ha manifestato pacificamente. Keystone / Cesare Abbate

Scene di guerriglia urbana si sono verificate venerdì notte a Napoli, davanti al palazzo della Regione Campania. I manifestanti scesi in piazza contro le restrizioni anti Covid, tutti con il volto coperto dalle mascherine, sono riusciti a superare lo sbarramento delle forze dell'ordine e in centinaia hanno lanciato petardi e acceso fumogeni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2020 - 20:56

Le forze dell'ordine hanno risposto con un fitto lancio di lacrimogeni. Dal corteo anche bottiglie di vetro contro il muro degli agenti, un centinaio, in tenuta antisommossa.

La protesta violenta ha visto protagonisti un migliaio di manifestanti, quasi tutti giovani: non si tratta dei commercianti e piccoli imprenditori che hanno protestato pacificamente a Napoli e Salerno contro le misure restrittive, ma di giovani che hanno risposto a un tamtam partito via social dopo l'annuncio del lockdown regionale fatto dal governatore Vincenzo De Luca.

Il raduno è iniziato nelle zone tradizionalmente frequentate da universitari ed esponenti della galassia antagonista, anche se in corteo non sono state esposte sigle di alcun tipo. "Ma questa non è la vera Napoli, la violenza non ci appartiene", commenta un passante in via Santa Lucia sbigottito da quanto sta accadendo.

De Magistris: "Notte buia per Napoli"

"È stata una notte buia per la nostra città, una notte di tristezza, di amarezza, una notte insonne piena di pensieri. Le immagini di Santa Lucia attraversata dalla violenza non sono la Napoli della Resistenza, della non violenza, della cultura democratica''. Parole del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un video messaggio commentando la guerriglia davanti alla sede della Regione Campania. 

De Magistris, nell'esprimere ''solidarietà a tutte le persone rimaste stanotte vittime della violenza a cominciare dagli operatori dell'informazione'', ha affermato: ''Napoli nella sua storia ha dimostrato di saper resistere e vincere perchè quando la storia bussa alle porte di Napoli il popolo sa dove andare e sa respingere la violenza sempre e comunque in ogni forma''.

De Luca:"Spettacolo indegno"

"Venerdì sera si è assistito a Napoli a uno spettacolo indegno di violenza e di guerriglia urbana organizzata, che nulla ha da spartire con le categorie sociali. Ieri si applicavano le stesse ordinanze a Milano, Roma e Napoli.

E mentre a Milano e Roma le città erano deserte nel rispetto delle norme, a Napoli c'erano violenze e vandalismo. Alcune centinaia di delinquenti hanno sporcato l'immagine della città". Lo scrive il governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

Ecco, su quanto avvenuto a Napoli, il servizio del telegiornale:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.