Navigation

Lo smog soffoca l'Italia

I livelli di smog restano elevati nella capoluogo lombardo keystone

Il blocco del traffico e le targhe alterne non bastano per ridurre l'inquinamento a Milano e a Roma

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 dicembre 2015 - 11:02

Il blocco del traffico a Milano e le targhe alterne a Roma, in vigore da lunedì a mercoledì per ridurre l'inquinamento, finora non hanno portato i risultati sperati. Lo smog infatti non diminuisce e le centraline delle due città mostrano che le polveri sottili PM10 hanno mantenuto livelli stabili o addirittura sono aumentati rispetto ai dati di domenica.

Le valutazioni di questo provvedimento, al quale hanno aderito anche vari comuni lombardi, andranno fatte al termine delle tre giornate, nel frattempo il premier Matteo Renzi ha dichiarato che tra gli obiettivi del Governo per far fronte all'emergenza smog figura anche quello di "passare, nell'arco di due anni, da 2'000 centraline di ricarica elettrica a 20'000 e di rinnovare il parco dei mezzi pubblici".

Un primo bilancio è stato invece tracciato dal governatore della Lombardia, Roberto Maroni, stando al quale "i blocchi estemporanei non servono", aggiungendo che sono necessari due miliardi di euro per misure strutturali che potenzino i trasporti pubblici e incentivino l'uso di veicoli efficienti e rispettosi dell'ambiente nella regione. Varie critiche alle misure adottate in questi giorni sono giunte pure da diversi gruppi politici, in particolare dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega.

Nella giornata di domani, mercoledì, è intanto previsto un incontro tra il ministro dell'ambiente Gian Luca Galletti e i governatori e sindaci dei grandi centri urbani per tirare le somme di queste settantadue ore.

ATS/ads

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.