Navigation

Libia, rapiti due italiani e un canadese

Soldati in azione in Libia keystone

I tre sono stati sequestrati lunedì mattina da sconosciuti armati; lavoravano per conto di una società italiana all'aeroporto di Ghat

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 settembre 2016 - 21:24

Tre lavoratori stranieri, due italiani e un canadese, sono stati rapiti in Libia. Secondo l'agenzia di stampa turca Anatolia il rapimento è avvenuto nel sud del paese. I tre lavorano per conto di una società italiana di manutenzione dell'aeroporto di Ghat, la Conicos, e sono stati sequestrati questa mattina da sconosciuti armati.

La Farnesina ha confermato il rapimento dei due italiani di cui non si conoscono i nomi. Il ministero degli Esteri riferisce che "fin da questa mattina quando ne ha avuto notizia sta seguendo la vicenda insieme alle altre articolazioni dello Stato. Si sta lavorando con il massimo riserbo - spiegano - tenuto conto della delicatezza della situazione".

Secondo alcune fonti, i rapitori avrebbero sparato colpi di arma da fuoco verso l'autista dei tre lavoratori. Non si sa se questi sia stato colpito. Finora nessuna rivendicazione del rapimento.

La zona del sequestro è in un territorio conteso tra due tribù locali, in lite tra loro da anni, che di recente hanno siglato una fragile tregua. Ma è lontana da tutto e sono stati segnalati raid di gruppi islamisti, sia vicini ad Al Qaeda sia all'IS.

ansa/joe.p.

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.