Navigation

Liberi i due italiani rapiti in Libia

GIno Pollicardo e Filippo Calcagno ansa

Gino Pollicardo e Filippo Calcagno erano stati rapiti in Libia nel luglio del 2015 insieme a Fausto Piano e Salvatore Failla, che sarebbero rimasti uccisi mercoledì

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2016 - 11:24

Due civili italiani ostaggio in Libia sono stati liberati: lo scrive su twitter l'emittente Al Arabiya citando la Reuters, che a sua volta cita fonti vicine ai fatti. I due ostaggi che sarebbero stati liberati sono Gino Pollicardo e Filippo Calcagno. Ieri il sottosegretario con delega all'Intelligence Marco Minniti, citando informazioni degli 007 sul terreno, aveva assicurato che i due italiani «sono vivi».

La conferma è poi arrivata direttamente dalla Farnesina. Pollicardo e Calcagno erano stati rapiti in Libia nel luglio del 2015 insieme a Fausto Piano e Salvatore Failla, che sarebbero rimasti uccisi mercoledì durante un blitz delle milizie di Sabrata, a ovest di Tripoli. Tutti e quattro erano dipendenti della Bonatti di Parma.

I due ostaggi italiani liberati in Libia, a quanto si apprende da fonti di intelligence, sono nelle mani della "polizia" locale e presto saranno trasferiti "zona sicura" e presi in consegna da agenti italiani che li riporteranno in patria. La liberazione è uno sviluppo dei tragici fatti dell'altro ieri che hanno portato all'uccisione degli altri due sequestrati.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?