Navigation

La pista di macchinine che tutti desideravamo

La APS-Politoys (cui apparteneva Policar) fu fondata a Milano nel 1955; col nome Polistil, diventerà il più grande produttore di giocattoli italiano fino a metà anni Ottanta

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2015 - 11:14

di Claudio Moschin

Policar è stato un marchio della APS-Politoys fondata nel 1955 con sede a Milano, che successivamente cambierà ragione sociale in Polistil, diventando via via il più grande produttore di giocattoli italiano fino a metà degli anni '80. Nei primi anni la produzione APS-Politoys consiste principalmente di giocattoli di plastica e nel 1963 seguendo la moda che proviene da oltre oceano comincia a produrre con il marchio Policar delle slot cars, molto in voga negli Usa e in Inghilterra, che all'epoca però vengono chiamate meno esoticamente "macchinine per la pista" o "autopista".

Le slot Policar vennero prodotte per più di 30 anni in diverse scale dalla 1/24 alla HO (le misteriose Policar MINI negli anni 60 e le misconosciute Champion 80) per un numero totale di modelli che supera abbondantemente alcune centinaia. Il primo modello di slot car prodotto è la Ferrari 156 detto "Squalo" a causa della forma della presa d'aria anteriore. La Ferrari 156 Shark Nose è l'unica macchina che riporta il marchio APS e venne prodotta in due colori, rosso e blu, in scala 1/32.

Il modello non è esaltante soprattutto se paragonato alla concorrenza inglese (la marca più famosa allora era la Scalextric): il motore è poco potente e poco affidabile e la vettura è goffa, ma si tratta della prima slot car prodotta in Italia da Policar ed è accompagnata da un discreto numero di accessori e da una varietà di tracciati che prevedono anche una pista a quattro corsie.

Contenuto esterno

Nel 1965 la linea APS-Policar in scala 1/32 viene estesa con altre 6 formula 1 con ruote anteriori sterzanti e due mitiche auto GT, la Ferrari 250 LM e la Ford GT40 con cofano apribile.

Il 1967 vede la presentazione della prima serie di "sport-prototipo" in scala 1/24, la cosiddetta serie Policar Super, con carrozzeria in acetato e telaio in fiberglass. Tutta questa serie è di alta qualità, ricca di ricambi e per la prima ed unica volta orientata ad una utenza "professionale" e non solo domestica, visto che contempla un discreto set di piste a due e quattro corsie di pregevole fattura.

Nel 1968 Policar introduce una seconda serie di prototipi in scala 1/24 che condivide con le Policar Super il solo sistema delle piste mentre i modelli vengono completamente rivisti e modificati. La carrozzeria è in Moplen che rende i modelli più robusti ma più pesanti, il telaio viene estremamente modificato e viene introdotto il motore Policar 150 che verrà impiegato anche sui modelli in scala 1/32.

Contenuto esterno

Nel 1974 il marchio Policar, che fino a quel momento aveva contraddistinto la linea "slot", viene assimilato a Polistil e la produzione entra in una fase che vede la messa sul mercato di una serie poco attraente di vetture goffe, fuori scala e con prestazioni poco esaltanti. Ed inizia così il lento declino, che più o meno nei primi anni Ottanta porta alla fine della produzione e del successo, complice anche la concorrenza di altre case produttrici. Un declino che culminerà poi con la definitiva scomparsa del marchio nel 1993.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?