Navigation

La Pininfarina ora è indiana

La Lancia Beta Montecarlo è uno dei capolavori Pininfarina anni '70 Lancia

La storica azienda, leader nel design a 4 ruote, è definitivamente nelle mani del gruppo Mahindra

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 maggio 2016 - 22:19

È stato formalizzato lunedì l'accordo tra Pininfarina e il gruppo indiano Mahindra. Il 76% della storica carrozzeria torinese, detenuta dalla holding Pincar, passa alla PF Holding BV, società di diritto olandese detenuta da Tech Mahindra e Mahindra & Mahindra. L'operazione vale 150 milioni di euro, 166 milioni di franchi.

I consiglieri di amministrazione si sono dimessi e il nuovo consiglio d'amministrazione sarà nominato dall'assemblea del 3 agosto prossimo. Saranno confermati i vertici dell'azienda, con Paolo Pininfarina presidente e Silvio Angori amministratore delegato. Paolo Pininfarina ha spiegato che l'accordo con Mahindra "era la migliore soluzione. La Pininfarina resta in Italia. Avrà il presidente in Italia, le maestranze, il quartier generale".

L'accordo prevede l'assunzione di un impegno da parte degli indiani di investire 20 milioni di euro con un aumento di capitale entro la fine del 2016. Pininfarina e Mahindra sottoscriveranno un accordo di licenza di marchio, sull'utilizzo dei marchi di proprietà di Pininfarina per i prodottti automotive del gruppo indiano.

EnCa

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.