Navigation

L'inchiesta su appalti sanitari fa tremare il Pirellone

Emerge un'appendice svizzera nell'indagine condotta dalla Procura di Monza e che ha portato all'arresto del consigliere regionale Fabio Rizzi

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 febbraio 2016 - 21:15

Sta facendo tremare i piani alti del Pirellone l'inchiesta condotta dalla Procura di Monza sui presunti appalti truccati per le cure odontoiatriche negli ospedali lombardi che ha portato all'arresto di Fabio Rizzi, braccio destro di Roberto Maroni ed estensore della riforma sanitaria regionale.

Ventuno in tutto le persone indagate per un giro d'affari di 400 milioni a favore di un gruppo di società riconducibili all'imprenditrice Maria Paola Canegrati, cui venivano assegnati servizi in gare pubbliche pilotate grazie alle aderenze politiche di cui godeva. Una complessa inchiesta giudiziaria da cui emerge pure un'appendice in Svizzera e dagli esiti ancora non del tutto decifrabili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.