Italia verso le Europee La campagna dei finti selfie e degli striscioni

Primo piano di Matteo Salvini nella sala stampa estera; dietro di lui, decorazione realizzata con decine di testate di giornale

Di fronte alla stampa estera a Milano.

Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved

Mentre si avvicina la manifestazione in piazza Duomo a Milano con i capi dei partiti sovranisti di 11 Paesi UE, in Italia la campagna elettorale per le europee del 26 maggio si sta trasformando in un referendum pro o contro il vicepremier e segretario della Lega Matteo Salvini.

A tenere banco, più che i temi europei, sono piuttosto le polemiche e le ironie legate ai selfie e agli striscioni.

Gli autoscatti col leader, che di solito si chiedono in segno di ammirazione, sono usati sempre più spesso per schernirlo. Mentre gli striscioni sono protagonisti di una vera e propria saga dopo la rimozione lunedì scorso, da parte dei pompieri di Brembate, vicino Bergamo, di un messaggio di "non benvenuto" esposto su un davanzale privato.

Parole chiave