La televisione svizzera per l’Italia

Italia, polemica per la chiusura di una scuola per Ramadan

uomini musulmani in preghiera
Il Ministro dell'Istruzione vuole impedire chiusure in occasione di festività non ufficiali. KEYSTONE

Una scuola in provincia di Milano ha chiuso in occasione della fine del Ramadan. Una decisione che ha sollevato numerose polemiche.

Mercoledì ha segnato la fine del Ramadan e per questa occasione una scuola di Pioltello, in provincia di Milano, ha chiuso i battenti. Si tratta di una prima in Italia e la decisione ha sollevato un fiume di polemiche. Tra i contrari, in primis, la Lega. Il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara (leghista) ha promesso nuove norme per vietare la chiusura degli istituti scolastici in occasione di festività non riconosciute dallo Stato. “Una scuola – ha affermato – non può introdurre una nuova festività”.

Nella giornata di mercoledì, davanti all’istituto la stessa Lega ha organizzato una manifestazione alla quale hanno partecipato anche numerosi genitori indignati. L’istituto ha motivato la scelta di chiudere con il fatto che ci sarebbero state troppe assenze: il 43% delle allieve e allievi è infatti di origine straniera e confessione musulmana.

Contenuto esterno

Con questa chiusura, tanti genitori sono in difficoltà perché hanno dovuto prendere un giorno libero, ha spiegato ai microfoni della Radiotelevisione della Svizzera italiana il deputato e segretario nazionale di Lega Giovani Luca Toccalini “e vengono messi in crisi da una minoranza che è la stessa che ci vuole impedire di fare [sic.] i canti di Natale o di ricordare il Gesù bambino quando ci sono le nostre festività”. Non si tratta, secondo Toccalini, di un sintomo della realtà e di un gesto che va a favore dell’integrazione, come invece sostenuto da più parti.

Anche perché, spiega la responsabile nazionale della Scuola Irene Manzi (Partito Democratico), la scuola non è stata chiusa per motivi religiosi, ma didattici, “in applicazione dell’autonomia di cui le scuole godono. [Una decisione che] ci fa vedere che l’Italia è profondamente cambiata in questi anni e quindi dovrebbero anche essere attuate delle politiche che vogliono costruire una scuola aperta all’integrazione”.

La politica, intanto si divide su come gestire questi cambiamenti. Da una parte la Lega propone d’introdurre un tetto massimo del 30% di alunni e alunne di origine straniera nelle classi. Dall’altra, invece, c’è chi chiede vengano potenziati i corsi per l’integrazione di queste e questi giovani.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR