Navigation

SOS dei migranti in mare, a rispondere è lei

Un ponte tra la speranza dei profughi e i soccorritori. Nawal Soufi da anni riceve le telefonate dei migranti che attraversano il Mediterraneo sui barconi. Finora ne ha fatti salvare decine di migliaia, e non senza polemiche. La Radiotelevisione svizzera l’ha incontrata durante una sua visita a Lugano.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2017 - 10:38
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 05-06-2017)

  

Contenuto esterno

“Quando non mi chiamano più ci sono due possibilità. Che quella luce li ha trovati o che sono affondati”.  Il lavoro di Nawal Soufi, 29enne catanese di origine marocchina, è quello di rispondere agli SOS dei migranti che tentano di attraversare il Mediterraneo e di porre loro domande in accordo con il comando centrale di Roma.

Lo scopo è ottenere le coordinate ed altre informazioni sull’imbarcazione da trasmettere ai soccorritori.

Questo lavoro le è valso diversi premi, ma anche critiche, a cui risponde: “Gli scafisti, di cui non parliamo, sono le persone che prendono decisioni in Europa. Non è normale che 28 paesi non riescano ad accogliere un milione di persone decentemente tramite aereo”.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.