Navigation

Dalla Siria all'Italia grazie ai corridoi umanitari

Tre storie di integrazione riuscita, da Roma, a Torino, a Reggio Calabria. Migranti arrivati con i corridoi umanitari dalla Siria e ora saldamente radicati nella realtà italiana.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2019 - 17:00
RSI, Segni dei Tempi
Contenuto esterno


Quando si parla di migranti l'attenzione si concentra sui gommoni che attraversano il Mediterraneo. Ma spesso manca l'informazione intorno ai percorsi d'integrazione seguiti dai profughi accolti in Italia. 

Vi raccontiamo la storia di Yasmine a Roma, della famiglia Makawi a Torino, e di Marza e Yussuf a Reggio Calabria, arrivati in Italia con i corridoi umanitari promossi dalle Chiese evangeliche e dalla Comunità di sant'Egidio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.