Navigation

Italia, volge al termine la XVII legislatura

Il presidente del Consiglio dei Ministri italiano Paolo Gentiloni in conferenza stampa. Keystone

Giunge al termine giovedì, in Italia, la diciassettesima legislatura. Cinque anni che hanno visto alternarsi tre governi e lasciano incompiuta la legge sulla cittadinanza (ius soli).

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 dicembre 2017 - 13:15
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 28.12.2017)

Il premier Paolo Gentiloni, che in mattinata ha tenuto la conferenza stampaLink esterno di fine anno, attende di incontrare il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per definire le formalità che porteranno al voto per il rinnovo del Parlamento, il prossimo marzo.

Successi e difficoltà

Gentiloni ha dapprima ripercorso le difficoltà affrontate (i migranti, la minaccia del terrorismo) e i successi ottenuti: in economia, l'Italia non è più il fanalino di coda d'Europa, ha detto.

Non è mancato un accenno alla tempesta interna al Partito democratico, che ha visto avvicendarsi prima di lui i premier Enrico Letta e Matteo Renzi, quest'ultimo travolto dopo il tentativo fallito di riformareLink esterno la Costituzione e abolire il Senato.

Contenuto esterno

Il primo ministro ha anche ricordato quanto ancora dovrà essere fatto dal 2018.

Incompiuto lo ius soli

Nota dolente della legislatura che si conclude è la legge per dare la cittadinanza ai figli degli stranieri nati in Italia, che al Senato non è passata. Tecnicamente, per mancanza del numero legale in aula al momento del voto.

E se al Senato manca, come sembra, una maggioranza per approvare lo ius soli, l'agenda delle Camere è esaurita e Sergio Mattarella firmerà, verosimilmente nel tardo pomeriggio, il decreto di scioglimento del legislativo e fisserà la data per le elezioni.

In carica per la continuità

Il governo guidato da Gentiloni resterà in carica per gli affari correnti, a garanzia della continuità istituzionale, fino a tali elezioni (che dovrebbero svolgersi il 4 marzo) e per il tempo che sarà necessario a formare un nuovo esecutivo.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.