Navigation

A Baranzate l'accoglienza prevale sulla paura

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 20 luglio 2019 - 19:19
Simone Bauducco, Rsionline

Viaggio nel comune alle porte di Milano dove convivono 72 etnie diverse e il lavoro dell'associazionismo, in particolare di ispirazione cattolica, sembra dare i suoi frutti.

BaranzateLink esterno, comune alle porte di Milano. Qui oltre un terzo degli abitanti è di origine straniera. Una percentuale che nel quartiere Gorizia arriva fino al 70%.

“Qui in una sola via ci sono 72 etnie diverse - racconta don Paolo Steffano che fin dai primi anni Duemila ha vissuto la trasformazione di questa area -. La prima fase è stata di fatica e stupore, ma piano piano abbiamo capito che la logica dell’accoglienza aiutava a superare l’innata paura che l’uomo prova di fronte a ogni novità”.

Nel 2010 viene fondata l’associazione La Rotonda Link esternocon l’obiettivo di promuovere lo sviluppo del quartiere più multietnico d’Italia. Negli ultimi anni, i progetti svolti dall’associazione hanno coinvolto oltre dodicimila persone e sono stati selezionati nella lista delle pratiche virtuose d’integrazione “Hello Europe” stilata da Ashoka.

“Qui non facciamo assistenzialismo, ma vogliamo promuovere l’autonomia delle persone - spiega il prete che insieme a tanti volontari lavora nel quartiere -. La differenza tra questi due concetti è che noi puntiamo sulla dignità delle persone”.

Nasce così l’idea di percorsi formativi e lavorativi che si rivolgono ai nuovi arrivati nel quartiere. La sartoria “Il Fiore all’occhiello” è uno di questi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.