Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Appello del sindaco al Governo Campione, "un dramma e nessuno interviene"

Vista aerea dell'edificio del Casinò di Campione d'Italia, imponente costruzione tra case e palazzine

Il Casinò di Campione in un'immagine d'archivio; 500 persone che vi lavoravano hanno ricevuto questo mese l'ultimo stipendio.

(Keystone)

Il sindaco di Campione d'Italia Roberto Salmoiraghi ha fatto appello martedì al governo italiano affinché vi sia un incontro per trovare una risposta politica alla crisi scatenata dal fallimento del Casinò.

"Questo è un dramma e nessuno interviene, nessuno si vuole sedere ad un tavolo o dirci come muoverci, è una situazione che non si capisce a meno che dietro non ci sia un disegno che riguarda tutte le case da gioco", ha detto, rievocando le quattro richieste ufficiali di colloquio inviate a Roma e rimaste lettera morta.

Oltre 600 persone senza salario

Salmoiraghi ha descritto una Campione d'Italia in ginocchio: 103 dipendenti comunali sono senza salario da febbraio e 500 dipendenti del Casinò (che era la più importante fonte economica del paese) sono ormai disoccupati.

(2)

Campione d'Italia indicata su una cartina di Swisstopo

Il sindaco ha replicato duramente a chi chiede le sue dimissioni: "Mi si deve spiegare perché la mia amministrazione, che ha solo pagato i debiti della passata, debba fare un passo indietro".

"Chi non gioca qui gioca altrove"

Presente alla conferenza stampa, il presidente di FedergiocoLink esterno Olmo Romeo ha sostenuto la necessità di riaprire al più presto il Casinò poiché "quegli oltre 6 milioni di euro di mancato incasso non sono soldi non giocati, ma guadagno per gli altri Casinò" e per il gioco illecito.

Romeo, a capo dell'associazione che riunisce le quattro case da gioco italiane (Sanremo, Venezia, Saint Vincent e Campione), ha espresso il timore che la crisi di Campione possa avere ripercussioni sulle altre tre, se non viene chiarita la strategia dello Stato.

(1)

Servizio del Quotidiano sull'appello del sindaco a trovare una risposta politica alla crisi scatenata dal fallimento del Casinò

"Vorrei ricordare", ha aggiunto, "che noi siamo da 100 anni un presidio di legalità in questo settore. L'assenza di strutture come i casinò potrebbe alimentare il gioco illecito e la stessa ludopatia, un fenomeno che esiste da 10 anni", ha sostenuto, "proprio da quando ovunque è possibile trovare una slot machine".

Il Casinò dell'enclave italiana in Svizzera è chiuso da fine luglio. Mercoledì è prevista una manifestazione a Como, promossa da tutte le sigle sindacali sotto lo slogan "Campione è d'Italia".

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (Quotidiano del 28.08.2018)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box